David Lynch a Lucca. Un toccante ricordo di Jack Nance e Richard Farnsworth (VIDEO)

di Matteo Marino
Foto (in alto) di Maria Serena Borghini
3 ottobre 2014

A moving memory of Jack Nance and Richard Farnsworth by David Lynch at the Lucca Film Festival, during the cinema lessons held by him in the Church of San Francesco.

Una storia veraLucca Film Festival 2014. Uno dei momenti più emozionanti della lezione di cinema di David Lynch è stato senza dubbio quello in cui ha condiviso, con le 600 persone presenti lunedì mattina nella Chiesa di San Francesco, un Jack Nance and David Lynchtoccante ricordo di Richard Farnsworth e Jack Nance.

Richard Farnsworth è stato l’indimenticabile protagonista di Una storia vera (A straight story), e Jack Nance è stato un amico, che ha lavorato con lui fin dal primo lungometraggio e in moltissime altre sue opere, e tutti non possiamo che associarlo all’iconica capigliatura di Eraserhead, che lo rendeva quasi un doppio di Lynch stesso, e al ruolo di Pete Martell in Twin Peaks (sue le battute stracult “wrapped in plastic” e “don’t drink that coffee there was a fish in the percolator”).

David Lynch nel ricordarli abbandona la sua consueta riservatezza e occasionale laconicità (ma non la sua ironia) e ci regala un momento di vera commozione, oltre a uno dei suoi irresistibili aneddoti. Ah, e tra l’altro ora sappiamo da chi ha preso a parlare così lentamente!

Ecco il mio video non ufficiale (scusate il tremolio)…

Jack l’ho incontrato quando facevo il casting per Eraserhead. E mentre stavamo realizzando Eraserhead siamo diventati molto molto amici. Jack sapeva raccontare storie bellissime, ma raccontava queste storie molto lentamente, con pause lunghissime. La cosa triste è che la maggior parte delle persone non hanno mai sentito la storia per intero. (risate) Pensavano che avesse finito, mentre in realtà era solo a un quarto (risate). Se si aveva abbastanza pazienza e si ascoltava Jack, si sarebbero sentite storie molto molto belle. Una di queste storie… quando Jack era un bambino, forse di  tre anni, sua madre gli diede un soldo. Lo teneva nel suo piccolo pugno. E andò al negozio per comprarsi un gelato. Mentre camminava, attraversata la strada, fu investito da una donna che guidava una grande automobile. Jack fu messo sotto e risputato da dietro. E quando sono andati a recuperarlo… aveva ancora il soldo tenuto stretto nel pugno. (risate)

Richard Farnsworth era un cavalcatore di rodeo, e questo lo portò a fare lo stuntman. In un film il regista trovò che fosse giusto per una certa parte, e così Richard iniziò a recitare. Richard è uno degli attori più naturali, più spontanei con cui abbia mai lavorato. E ha un grande cuore. Mentre lavoravamo a Una storia vera,  nessuno, neanche io, sapeva che stava morendo di cancro, ma lui ha lavorato sodo, ha fatto tutto perfettamente, nonostante stesse soffrendo molto. Richard è un vero cowboy.

Mi mancano molto sia Jack che Richard. Mi sarebbe piaciuto lavorare con loro molte altre volte.

(lungo appaluso)

 

art by Martin Woutisseth

art by Martin Woutisseth

Share Button

One comment

Rispondi a Ducati Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *