La ricetta della ▲Garmonbozia▲

di Matteo Marino
23 marzo 2020

Poiché una cosa che sicuramente possiamo fare in questi giorni particolari è cucinare, mi improvviso food blogger e vi racconto una ricetta semplicissima e molto gustosa, ispirata a una pietanza particolare dell’universo di Twin Peaks: la garmonbozia.

Quella che vi propongo è un’ottima garmonbozia gourmet 

Niente paura: nonostante in Twin Peaks la garmonbozia è la rappresentazione del dolore e della sofferenza di cui si cibano gli abitanti della Loggia Nera (tra cui BOB), non ci saranno apparizioni dietro il divano del salotto stavolta; anzi, questa ricetta è ottima anche per vegetariani e per vegani (in quest’ultimo caso, con una piccola modifica nell’arricchimento finale).

Pronti?

La ricetta.
Ispirandomi alla buonissima garmonbozia che abbiamo mangiato a La Gourmerì – Insalate Magistrali per il Twin Peaks Day di Sassari del 2018, l’ho preparata così:

Base della zuppa: in una pentola con i bordi alti fare un soffritto di cipolla, con un po’ di pepe, poi quando la cipolla è dorata mettete il mais. Una scatola di mais di circa 250 g a persona. A parte mettete un cucchiaio di mais (sempre a persona) ad abbrustolire in una padellina con un filo d’olio o un po’ di burro. È importante perché fungeranno da “crostini”. Per la zuppa, fate rosolare il mais nel soffritto una decina di minuti, girando di tanto in tanto, dopodiché coprite a filo con brodo vegetale. Lasciare andare per un paio di minuti in modo che i sapori si uniscano. Aggiustare se necessario di sale. Spegnere il fuoco e usare il frullatore a immersione per renderla una crema uniforme.

Tocchi da chef: servire in una ciotola con una noce di burro d’arachidi sul fondo, al centro, da far sciogliere nella zuppa. Il burro d’arachidi potete anche farlo in casa frullando con un po’ di pazienza delle noccioline tostate, meglio se non salate. Questo è un ottimo arricchitore per diverse zuppe: provare per credere!. Sopra adagiate il mais abbrustolito a parte (circa un cucchiaio per porzione), e un tritato di foglie di menta fresche. Et voilà. A piacere potete aggiungere una fetta sottile di formaggio brie sulla zuppa ben calda (in alternativa: un formaggio vegano, per esempio il Camelia, un fermentino a crosta fiorita a base di anacardi e noci di macadamia).

Buon appetito, twinpeaksiane e twinpeaksiani!

Seguimi anche su facebook e su instagram!

 Leggi in formato kindle:

Preorder:

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *