Twin Peaks 2016, parla Mark Frost: primi particolari sui 9 episodi diretti da David Lynch

di Matteo Marino
7 ottobre 2014

David Lynch e Dale CooperIeri c’è stato l’annuncio bomba: una terza stagione di Twin Peaks si farà su Showtime, si girerà nel 2015, arriverà nel 2016, sarà ambientata ai giorni nostri (25 anni dopo, come incredibilmente predetto da Laura Palmer stessa), parte del cast tornerà (pare quasi certo Kyle MacLachlan, l’indispensabile Agente Speciale Dale Cooper), saranno 9 episodi scritti da Mark Frost e David Lynch (i creatori della serie originale) e tutti diretti da Lynch. E questo dovrebbe bastare a tranquillizzare quanti storcevano il naso temendo che la serie potesse essere snaturata. Potrà piacere o non piacere, ma sarà Twin Peaks al 100%, torta di ciliegie e caffè dannatamente buono inclusi. Showtime inoltre riproporrà le due stagioni del 1990 e del 1991 prima della messa in onda dei nuovi episodi.

L’apparente calma con cui lo scrivo cela in realtà questo:  CAZZOOOO! GODO!!! LYNCH TORNA A GIRARE 8 ANNI DOPO INLAND EMPIRE NON CI POSSO CREDERE È TUTTO VERO E L’HO APPENA INCONTRATO A LUCCA CHE EMOZIONE EVVAIII! CI SARANNO NOVE ORE DIRETTE E SCRITTE DA LUI!!!! PER TUTTI I PESCI NEL CAFFÈ E PER TUTTI I CEPPI DEI BOSCHI! STAVOLTA I GUFI ERANO QUELLO CHE SEMBRAVANO! …INFARTO.

Se siete fedeli lettori o mi avete conosciuto al Lucca Film Festival, volevo ringraziarvi per aver condiviso sui social la notiziadannatamentebuona# tramite il mio articolo di ieri sera (il sito è letteralmente esploso, grazie!!!). Sono riuscito a postare con tutta la passione e la velocità possibili subito dopo l’annuncio su Twitter perché, come molti altri, avevo subodorato che sarebbe successo qualcosa proprio alle 11:30 ora della costa est degli Stati Uniti (ore 17:30 in Italia), perché era l’ora dei tweet di venerdì scorso, vale a dire l’ora in cui Dale Cooper entra a Twin Peaks nella serie originale, e stavo sul Twitter di Lynch a fare aggiorna, aggiorna, aggiorna

Prima di scoprire i primi particolari sulla nuova serie direttamente dalle interviste rilasciate da Mark Frost appena dopo l’annuncio (che poi è il motivo per cui avete aperto questo articolo), se siete nuovi lettori accogliate con indulgenza una brevissima parentesi per farvi capire su che sito dannatamente fico siete capitati (o anche solo per ricostruire la storia di un hype messo in piedi ad arte). Se invece volete leggere subito di Frost, saltate alla sua foto e proseguite la lettura senza rimorso (come sono buono oggi).

Piccola storia di un damngoodhype#
(ovvero, come ti ho stanato la terza stagione di Twin Peaks)

Diciamolo, ci avevo preso già da qualche giorno! I primi rumor erano iniziati al Lucca Film Festival:

> 30/10/14 “ARRIVERÀ UN PROSEGUIMENTO DI TWIN PEAKS?” DAVID LYNCH RISPONDE A LUCCA

Mio video che, grazie a Brett Buchanan e James Woolley, era rimbalzato su AlternativeNation, qui:

> 30/10/14 DAVID LYNCH SAYS TWIN PEAKS REVIVAL IS POSSIBLE

sulla pagina facebook Bring Back Twin Peaks to TV, che da oggi – missione compiuta – si chiamerà Twin Peaks Worldwide (e che da una settimana mi ha aggiunto agli amministratori, è un onore e mi costringe a ripassare seriamente il mio inglese)

e, grazie a Simone Stefanini, su dailybest:

> 30/10/14 TRE GIORNI CON DAVID LYNCH AL LUCCA FILM FESTIVAL

e sul seguitissimo Welcome to Twin Peaks, che aveva avuto la mia stessa sensazione: quell’ “Aspettate e vedrete” detto da Lynch era un indizio di qualcosa che era già in pentola, vista la consueta riservatezza del regista.

> 30/10/14 DAVID LYNCH ANSWERS “TRICKY QUESTION” ABOUT TWIN PEAKS CONTINUATION WITH “JUST WAIT AND SEE”

Poi l’hype esplode alla grande con i Tween Tweets di Lynch e Frost di venerdì 3, genialmente sibillini, diretti proprio allo zoccolo duro dei fan storici capaci di diffondere efficacemente il messaggio, dato che riconoscono subito l’allusione, ma nutriamo anche qualche dubbio (come biasimarci?), come analizzavo nel dettaglio in questo pezzo (e già si parlava del coinvolgimento di Showtime!)

> 4/10/14 TWIN TWEETS. LYNCH E FROST STANNO DAVVERO PER TORNARE A TWIN PEAKS?

Gli indizi lasciati a bella posta si susseguono, le voci si fanno davvero insistenti tra gli addetti ai lavori, tanto che, poche ore prima dell’annuncio, scrivevo:

> 6/10/14 RITORNO A TWIN PEAKS SU SHOWTIME?

Quindi… Annuncio ufficiale, ta-dah!

Le dichiarazioni di Mark Frost, dicevamo

mark-frost-290x290Ecco le più importanti e suggestive dichiarazioni del cocreatore, cosceneggiatore e coproduttore esecutivo Mark Frost tradotte in italiano, nonché i link per leggere le interviste integrali.

Cosa ci può anticipare della storia?  

Mark Frost: Um, quasi niente. Noi abbiamo sempre avvertito che meno anticipazioni davamo su questa serie meglio era, meglio lasciare che la storia parli da sé. A parte questo, possiamo dire che speriamo davvero che le persone che hanno atteso così pazientemente per anni questo annuncio non saranno deluse, e anzi speriamo saranno entusiaste di quello che faremo. Sappiamo che ci sono in ballo grandi aspettative, ma posso assicurarvi che le vostre aspettative non sono più alte delle nostre. 

Come siete arrivati alla decisione che David Lynch dirigesse tutte e nove le ore? Non ha diretto molto negli ultimi anni. 

Mark Frost: Stavamo pranzando l’agosto di tre anni fa da Musso & Frank, e appena ne abbiamo parlato David si è acceso di vita al solo pensiero. Aveva questo sguardo determinato e mi ha detto: “Penso che dovrei dirigere tutte le puntate”. E io “Diamine, facciamolo. Scriviamole tutte noi due insieme e tu le dirigerai tutte. Questo è probabilmente il modo giusto in cui dovremmo farlo”.

Guardando indietro a quello che è successo nella seconda stagione, quali lezioni avete imparato? 

Mark Frost:  Abbiamo sicuramente imparato che bisogna avere un solido sentiero principale attraverso i boschi. Si possono avere affluenti, torrenti, piccoli sentieri, ma in ultima analisi il sentiero principale deve essere oscuro, chiaro e pericoloso. Quella è la strada che imboccheremo. Ci saranno, spero, un’alta percentuale di sentieri laterali, ma nessuna scorciatoia. Dovrete seguire il percorso principale.

Quello che avete fatto nella tv del 1990/1991 sulla ABC è stato stupefacente.Cosa  potrà avvenire nel mondo televisivo di oggi, su Showtime?

Mark Frost: Sentiamo che non potremmo ripetere la stessa cosa. Dobbiamo andare in qualche posto nuovo e differente e anche più sorprendente. Non stiamo facendo un remake dello show. Stiamo cercando di superare lo show che è venuto prima. Questa è la nostra sincera intenzione. 

Quando è divenuto realtà?

Mark Frost: Ha preso vita tre anni fa. Quando David e io abbiamo iniziato a parlarne realizzammo che questo mondo e questi personaggi ci stavano chiamando. Ci lavoriamo da allora, e quest’anno abbiamo capito che era giunta l’ora di rivelarlo e trovargli una casa. Quelli di Showtime sono stati i primi con cui abbiamo parlato, e crediamo di aver trovato una casa meravigliosa.

Non avete parlato con nessun altro, come Netflix, per esempio, che aveva rimesso disponibili le due serie originali?  

Mark Frost: Non siamo mai arrivati a quel punto. Molti apprezzano il fatto che tutti gli episodi vengano rilasciati insieme [come con House of Cards ndM], ma io penso che per una serie come Twin Peaks sia meglio dare al pubblico un capitolo alla volta anziché tutto il libro.

Perché nove episodi?

Mark Frost: Uno show non deve essere più lungo del tempo che serve per raccontarlo, e questo è il tempo che ci vuole per raccontare la storia del nuovo Twin Peaks.  Quello che vogliamo dire entra perfettamente in questo numero di ore. Non è stata una decisione difficile da prendere.

Showtime ha accolto la proposta perché voleva riavviare il franchise o gli avete raccontato tutto il nuovo soggetto? 

Mark Frost: Quando abbiamo deciso di andare alla Showtime, avevamo quasi tutta la storia in mente. No, non gliel’abbiamo raccontata tutta, solo quanto bastava per farci dire “Sì!”.

Avete scritto già qualcosa?

Mark Frost: Stiamo scrivendo. Speriamo di entrare in produzione l’anno prossimo, così da mandare in onda il tutto nel 2016, come annunciato.

Può dirci qualcosa del cast? 

Mark Frost: Speriamo di poterne parlare già nelle prossime settimane.

[…ma già Kyle MacLachlan ha postato questa frase su twitter e facebook… ndM]

Meglio accendere quella caffettiera e trovare il mio completo nero… 🙂 #TwinPeaks

 

Si tratta di una serie autoconclusiva o potrebbe aprire la strada ad altro Twin Peaks

Mark Frost: Beh, noi siamo felicissimi di raccontare la storia che abbiamo di fronte a noi. Detto questo, rimaniamo aperti a ogni possibilità.

Leggi le interviste integrali su hollywoodreporter e hitfix

25

 

Share Button

One comment

  1. Io ti ho appena scoperto e già ti amo… ho quasi pianto dalla gioia quando ho saputo la notizia (ovviamente dopo aver storto il naso per mesi ai rumors, ma dopo aver sentito che sarebbe stata sempre opera di Lynch e Frost mi sono decisamente rilassata)… questo per dirti che hai appena acquistato una lettrice 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *