Andy nel nuovo Twin Peaks

Twin Peaks, il nuovo teaser fotogramma per fotogramma: ora tocca ai personaggi

di Matteo Marino
7 maggio 2017

Dopo il teaser con i luoghi, Showtime ci mostra dei flash di alcuni volti noti di Twin Peaks 25 anni dopo.
Anche qui sono pochi secondi – sono sguardi, personaggi che guardano non sappiamo cosa come noi guardiamo loro senza sapere cosa aspettarci, stupiti, timorosi, speranzosi, in attesa. In attesa del 21 maggio. Analizziamo questi 50 secondi insieme, passo dopo passo. Con una folle teoria finale circa un indizio visivo (che comunque metto sotto spoiler da cliccare, così non turbo chi vuole essere stupito al 100%, casomai ci avessi azzeccato, ma tanto è pura follia, quindi tranquilli, si fa per giocare).

Se ancora non avete visto il teaser, guardatelo (e ascoltatelo). Mettete 1080p di risoluzione (cliccando sulla rotella di impostazioni in basso a destra, la prima icona) e tutto schermo,  poi parliamo.

La prima cosa che vediamo (mentre di nuovo applaudiamo il sonoro) è una strada perduta.

Strada perduta

Ad aprire i ritratti è un intenso Big Ed Hurley (Everett McGill). Avete notato la testa d’orso, sì?

Big Ed Hurley (Everett McGill) - New Twin Peaks

Poi è il turno di Carl “Buongiorno, America!” Rodd (Harry Dean Stanton), il proprietario del Fat Trout Trailer Park di Deer Meadow. Se non sapete di chi stiamo parlando, correte a guardarvi (o riguardarvi) Fuoco cammina con me. Quel film sugli ultimi sette giorni di vita di Laura Palmer (e non solo) è parte integrante della mitologia di Twin Peaks e, come ha detto Lynch, gli ultimi sette giorni di Laura saranno importanti per i nuovi episodi. Lo sguardo al cielo di Carl Rodd (di cui si parla anche nel libro di Mark Frost) ci fa sciogliere.

Carl Rodd (Harry Dean Stanton)
Questo che segue è, per me, il frammento più struggente. Non c’è mitizzazione o abbellimento. Semplicemente una donna nella corsia dei liquori di un minimarket. E quella donna è Sarah Palmer (Grace Zabriskie). Un secondo di questa grande attrice e ho già i brividi: guardate come guarda (scusate il gioco di parole, ma in questo teaser abbiamo capito che è tutta una questione di sguardi) le bottiglie, o meglio notate come il suo sguardo perso si anima per un momento quando le adocchia, per poi distoglierlo subito, lo posa fugacemente sul contenuto del carrello (e in questa traiettoria ci rivela cosa desidererebbe metterci), per poi perdersi di nuovo, il corpo leggermente discosto da quella tentazione. Ci ho visto troppo? Sarà il tempo a dirlo. 14 giorni, ormai. Io intanto godo.

Sarah Palmer (Grace Zabriskie) - New Twin Peaks

Pure Andy Brennan (Harry Goaz) guarda qualcosa, sporgendosi in avanti e di lato. Pure lui ci sembra abbia guadagnato in intensità. Siamo curiosissimi di vedere com’è maturato.

Andy Brennan (Harry Goaz) - New Twin Peaks

Poi Tommy “Hawk” Hill (Michael Horse) dice l’unica parole del teaser, togliendoci le parole di bocca: “Really?” (ammettiamolo, ancora non ci crediamo di stare per tornare a Twin Peaks dopo tanti anni).

Tommy “Hawk” Hill (Michael Horse) - New Twin Peaks

Infine, Dale Cooper (Kyle MacLachlan). Quest’immagine nasconde qualcosa… Guardate attentamente il video. Soprattutto, seguite lo sguardo di Cooper che, prima di voltarsi, è diretto fuori campo… al margine dell’inquadratura si vede qualcosa…

Dale Cooper (Kyle MacLachlan) - New Twin Peaks

Potete fermarvi qui. Se volete sentire i miei deliri su cosa mi ha evocato quest’immagine (attenzione, sono due ipotesi e potrebbero essere SPOILER, soprattutto la prima, più plausibile; la seconda è un gioco), cliccate qui: 

”SPOILER”

Avrete notato che Dale Cooper non è solo in questa inquadratura. Al margine destro infatti intravediamo un ciuffo di capelli biondi e quella che sembra ai miei occhi una spalla scoperta, una donna con un vestito bianco, apparentemente. Non solo il fuori campo, ma anche il fuori fuoco è rivelatorio: sullo sfondo si notano una casa, delle piante, un lampione (forse dei tralicci per l’elettricità), insomma un quartiere residenziale. Due ipotesi (una molto probabile, una completamente folle, perdonatemi fin d’ora).

1) Dale Cooper è davanti alla casa dei Palmer (era lui nell’auto nel primo teaser, dunque). La donna al suo fianco è bionda. Potrebbe essere addirittura… Laura Palmer?

 

2) marilyn-monroe-sam-shaw-1jpgE qui, la mente vola. Mi è bastato un ciuffo biondo e una presunta spallina bianca, associata a Dale Cooper, per evocarmi Marilyn Monroe: “Diane, ci stavo pensando proprio stamattina. Ci sono ancora due cose che mi preoccupano e non sto parlando solo da agente federale, ma anche da uomo della strada: quali rapporti c’erano fra Marilyn Monroe e i Kennedy? Chi ha premuto il grilletto contro il presidente?”. E se ci trovassimo in una sorta di sogno di Dale Cooper in questa scena? E se ci fosse pure Marilyn nella Loggia? Marilyn Monroe fa parte dell’impero interiore di Cooper quanto fa parte di quello di Lynch: ricordiamo che Lynch e Frost, appena prima di creare Twin Peaks, scrissero insieme la sceneggiatura di un film su Marilyn Monroe ispirato al libro biografico Goddess. Il progetto non piacque ai produttori e non se ne fece niente. Ecco come ne parla Lynch: “Marilyn è l’attrice che ho sempre sognato come mia interprete ideale. Volevo trarre un film dal libro che svela le responsabilità dei Kennedy nella sua morte. Produttori sordi alla chiamata”.
naomi-watts-marilyn-monroeCuriosamente nel 1996 un film tratto da Goddess fu effettivamente realizzato (per la tv) con il titolo Norma Jean & Marilyn. L’aspirante attrice Norma Jean e la futura diva Marilyn erano interpretate (a volte contemporaneamente sullo schermo) da due attrici diverse (Ashley Judd e Mira Sorvino), una bionda una no (vi ricorda qualcosa?), una scissione identitaria (la frase di lancio era: “Marilyn è stata la nostra fantasia. Norma Jean era la sua realtà”) che sarebbe tornata, con molte più complicazioni e implicazioni, nelle protagoniste di Mulholland Drive. La bionda di Mulholland Drive, lo sappiamo tutti, era Naomi Watts, che avrebbe dovuto interpretare Marilyn Monroe in Blonde, biopic tratto dall’omonimo libro di Joyce Carol Oates (nella foto, come avrebbe potuto essere). E Naomi Watts  è anche nel cast del nuovo Twin Peaks… Mi fermo qui.

Ora, è improbabile che le cose stiano così, quindi non prendetemi sul serio, ma a volte perdersi in queste associazioni è meraviglioso. Bentornati a Twin Peaks.

UPDATE sullo spoiler, che ovviamente è uno SPOILER:

”SPOILER”

Quanto alla fantasiosa ipotesi del punto 2: un bel po’ di tempo fa ci fu un leak di alcune riprese davanti alla casa dei Palmer. Qui come sapete non si dà spazio ai leak, ma alcuni lettori mi han scritto per dirmi che, stando a quelle riprese rubate, anche se poteva sembrarlo da quell’inquadratura parziale nel teaser, non si tratterebbe di un vestito bianco e di una spalla scoperta, ma di un golfino color carne o senape e di una camicia bianca, o ancora di un giubbetto di renna con colletto di lana bianca… Vabbe’, ho sognato per mezz’ora ma è stato bello. Ve l’ho detto che era un volo pindarico. E comunque Naomi Watts ci sarà… 

Share Button

Se ti è piaciuto leggi anche:

4 comments

  1. Bellissima analisi. Io vorrei aggiungere un paio di cose.
    1- Nella prima immagine, solo io vedo qualcosa sulla strada che luccica?
    2-Nell’ultima, invece, Cooper pare sconcertato e spaventato/sorpreso allo stesso tempo. E, comunque, [SPOILER] Quel video rubato dal set lo vidi anche io! :-)

  2. Caro Matteo, ho appena finito il libro di Frost. Ho i brividi. Ma ora sono pronto a rientrare a Twin Peaks. Stanotte ho sognato di essere lì, in una caffetteria diversa dal Double R, in cui vendevano tanti souvenir della città. Inoltre sono ansioso di conoscere TP e chi ne sarà l’interprete. Buona domenica.
    Domenico

      1. Caro Matteo, la tua analisi è precisa. Io aggiungerei solo un piccolo dettaglio, una sensazione che ho avuto subito, guardando l’ultima sezione con Cooper. Vedo anch’io dei capelli biondi e una porzione di abito bianco (più che altro una porzione di stoffa bianca stile abito di Marilyn Monroe nella famosa scena di “Quando la moglie è in vacanza”).
        Ma ciò che maggiormente ha tratto la mia attenzione è lo sguardo di Cooper che passa da questa ipotetica donna bionda alla sua sinistra a qualcuno o qualcosa alla sua destra, che secondo me è un’altra donna. Con il movimento della testa sembra voler dire: “Siete la stessa persona?” O se non c’è nessuno alla sua destra, sembra pensare: “Se lei è qui, chi è… l’altra?”
        Non so, ovviamente è una mia follia!
        È che ormai, come nel lontano 1991, non faccio che parlare d’altro.
        We all live in Twin Peaks.
        Ciao!
        Domenico

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>