“Eraserhead”: come far pubblicare in Italia la versione restaurata in Blu-ray

di Matteo Marino
12/11/2018

[EDIT 13/11/2018] Lanciata ieri, 12 novembre, la campagna di crowdfunding  START UP! per pubblicare per la prima volta in Italia il Blu ray della versione restaurata di Eraserhead di David Lynch  ha battuto ogni record: in meno di 24 ore è stato raggiunto l’obiettivo di 500 pre-acquisti. A seguito delle numerose richieste degli spettatori che non hanno fatto in tempo a partecipare al progetto, CG Entertainment e Minerva Pictures hanno deciso di rendere disponibili da oggi, 13 novembre, ulteriori 200 copie.

Della versione restaurata di Eraserhead – La mente che cancella supervisionata dallo stesso Lynch per il 40° anniversario ve ne parlai all’epoca della sua uscita nelle sale italiana, insieme a qualche riflessione su quel capolavoro, in questo articolo. E subito molti mi domandarono: e quando sarà disponibile in Blu-ray? La risposta è arrivata oggi.

Come di consueto, CG Entertainment Minerva Pictures hanno lanciato una campagna per pubblicare per la prima volta in Italia questo capolavoro in alta definizione basata sul raggiungimento di un certo numero di pre-order, che danno diritto a molti contenuti speciali. Ecco come funziona nel dettaglio. Continue reading

All’Inferno Store mostra e fanzine “Tribute to David Lynch”. Dall’8/11

di Matteo Marino
6/11/2018

Una mostra a cura di Rossana Calbi, con le opere di Amalia Caratozzolo e Shone. Dall’8 novembre all’11 gennaio 2019. C’è anche una Fanzine tutta dedicata a Lynch con un pezzo mio. Inaugurazione giovedì 8/11, ore 18.30.

Visto che questo non è l’annuncio di una mostra e basta (con imperdibile Fanzine annessa) ma qualcosa che mi coinvolge personalmente (nella Fanzine c’è anche un mio pezzo inedito su Lynch), prima di darvi tutte le informazioni del caso e di invitarvi all’inaugurazione, vorrei raccontarvi un antefatto. Continue reading

18 e 19 ottobre: a Sassari torna il △△TWIN PEAKS DAY△△

di Matteo Marino
16/10/2018

Lynchiane e lynchiani di Sassari e dintorni, sarò ospite al △△TWIN PEAKS DAY 2018△△ e ne sono entusiasta!

Chi l’anno scorso c’era, al debutto dell’iniziativa, se lo ricorda bene. Quest’anno è giunto il momento di farsi nuovi ricordi. Il Twin Peaks Day torna infatti il 18 e il 19 ottobre. Stavolta si raddoppia (naturale, quando si parla di Twin Peaks) e la kermesse si sviluppa su due giornate piene di presentazioni di libri, proiezioni, mostre e focus tematici tutti dedicati al genio artistico di David Lynch. E cibo (c’è anche la garmonbozia!).

Da parte mia introdurrò i film al Cityplex Moderno (tra cui Mulholland Drive) con la complicità di Francesca Arca e Francesco Bellu, vi proporrò un esperimento di film mentale facendovi “vedere” Ronnie Rocket. Il film perduto, e presenterò il libro I segreti di David Lynch, edito da BeccoGiallo, scritto da me e illustrato da Elisa 2B. E non sarò solo! Al mio fianco ci sarà proprio Elisa, che potrà personalizzare con un disegno ad hoc le vostre copie del libro (che saranno disponibili grazie alla Libreria Dessì), e Stefano Ventura, il mio mitologo personale, che vi parlerà di Lynch tra meditazione trascendentale, Buddhismo e Advaita Vedānta.

E questa è solo una piccola parte del ricchissimo programma, che vi invito a leggere nel dettaglio nel comunicato qua sotto…

Grazie a Daniele Salis e a tutti gli organizzatori e gli artisti coinvolti!

Per chi venisse da fuori Sassari e dovesse pernottare speciale codice promo “Twin Peaks Day” al B&B Piazza Azuni 18, tel. 3403125972 Continue reading

David Lynch e Angelo Badalamenti: esce a novembre il loro album “perduto”

di Matteo Marino
19/09/2018

Grazie a Pitchfork.com, una voce che circolava da un po’ di tempo ha una conferma ufficiale: esce il 2 novembre Thought Gang, un album a cui Lynch e Badalamenti lavorarono tra il 1992 e il 1993 e che non ha mai visto la pubblicazione finora. Non interamente, almeno. All’epoca in cui la seconda stagione di Twin Peaks era ancora in onda e si cominciava a produrre Fuoco cammina con me, nacque la Thought Gang. La musica slow jazz che era stata un tratto distintivo di Twin Peaks prendeva strade più sperimentali: acid jazz, voci narranti, paesaggi sonori fatti anche di rumori… Due tracce sono finite subito in Fuoco cammina con me (‘A Real Indication’ e ‘The Black Dog Runs at Night’), e dal resto dell’album sono state pescate qua e là alcuni scampoli in altri progetti (qualcosa nella terza stagione di Twin Peaks, qualcosa per uno spot dell’adidas diretto da Lynch, lo trovate in fondo a questo articolo se non lo avete mai visto). Continue reading

Il magnifico ‘Lucky’, con Harry Dean Stanton: l’altro lato di ‘Una storia vera’

Recensione di Matteo Marino

28 agosto 2018

Con el tiempo y un ganchito,
Ha de resecarse el mar,
Con el tiempo, con el tiempo,
De mi te has de enamorar.
Porque el tiempo es buen amigo,
Buen amigo de verdad.

[Con El Tiempo Y Un Ganchito ]

Un’altra storia vera

Un testardo ultrasettantenne di nome Alvin, dopo una caduta in casa che lo lascia immobile sul pavimento, intraprende un lungo viaggio per riconciliarsi col fratello lontano con cui non parla da anni. Il fratello ha appena avuto un infarto. Non potendo guidare, Alvin decide di affrontare il viaggio su un lentissimo tosaerba, tra ostacoli, incontri e paesaggi mozzafiato.  Questa è, semplificando, sia una storia vera sia la trama di Una storia vera, film diretto da David Lynch nel 1999. Tutto il film si reggeva sull’interpretazione di un grandissimo Richard Farnsworth, all’epoca già malato, ma non lo aveva detto a nessuno (sarebbe scomparso nel 2000).  Il fratello di Alvin, invece, l’invisibile motore del racconto finché non lo vediamo nel finale, è interpretato da un altro grande, Harry Dean Stanton, faccia indelebile di tanto cinema americano, non importa se in ruoli da protagonista o, più spesso, in piccole perle da pochi minuti.

Lucky, film del 2017 diretto da John Carroll Lynch – attore al suo debutto nella regia, nessuna parentale con David Lynch – per molti versi sembra l’altro lato di Una storia vera. I rimandi (voluti? inconsapevoli? chiamiamoli rime) sono molteplici: la caduta in casa che innesca la storia, la lentezza della testuggine e la lentezza del trattore, il ricordo di guerra rievocato al bar, la presenza dello stesso Lynch come attore (che scene e controscene tra Stanton e Lynch! Una coppia perfetta. Stavolta è Lynch a fare apparizioni di pochi minuti, ma che apparizioni), e ovviamente il fatto che tutto il film si regga proprio sull’interpretazione del “fratello” di Alvin, Harry Dean Stanton (che sarebbe scomparso nel settembre del 2017).

Lucky, insomma… brings back some memories, fa riaffiorare molti ricordi. Che non si limitano però a un solo film, o solo ai film. Continue reading