3x18 Cooper

Neanche Kyle MacLachlan sa cos’è successo nell’ultima scena di “Twin Peaks – The Return”

di Matteo Marino
9 settembre 2017

SPOILER. NON LEGGETE SE NON AVETE VISTO LE PARTI 17 E 18 DELLA TERZA STAGIONE

Ieri sera c’è stata l’ultima parte di Twin Peaks – The Return in italiano. Io l’ho vista domenica notte in lingua originale e sono ancora sotto shock. Entusiasta e sotto shock. Appena mi riprendo e mi torna la voce (la voce interiore: sto ancora urlando dentro, con Laura/Carrie) scrivo la mia recensione. Deve decantare ancora un po’ quel miscuglio di fortissime emozioni e domande che Lynch e Frost hanno fatto esplodere nell’ultimo viaggio di Dale Cooper. O di Richard?

Cosa pensa del finale Kyle MacLachlan, che di Cooper ha vestito i panni dopo 27 anni  ma nel nostro cuore non li ha mai smessi? Kyle ha qualche risposta? Cosa ci ha capito lui, dell’ultima scena?

Sonia Saraiya di Variety (da cui ho preso il titolo fichissimo) e Josh Wigler di The Hollywood Reporter gliel’hanno chiesto, e gli hanno chiesto anche com’è stato interpretare Mr C, Dougie e Richard. Le interviste originali sono linkate alla fine dell’articolo. Per coloro che non conoscono l’inglese, ecco una mia traduzione dei punti più interessanti e illuminanti di queste chiacchierate post-finale. Continue reading

eraserhead-01-copyright-absurda

“Eraserhead” di David Lynch torna al cinema restaurato: tutte le sale

di Matteo Marino
31 agosto 2017

SALE E DATE AGGIORNATE AL 20 SETTEMBRE 2017

Nel suo 40° anniversario, Eraserhead – La mente che cancella torna nei cinema di tutta Italia nella versione restaurata in 4K da Criterion con la supervisione dello stesso David Lynch. A partire dal 4 settembre (in fondo all’articolo l’elenco con tutte le sale e le date), grazie alla Cineteca di Bologna e nell’ambito del progetto per la distribuzione dei classici restaurati “Il Cinema Ritrovato. Al cinema”, molte lynchiane e molti lynchiani avranno l’opportunità di vedere per la prima volta su grande schermo (in lingua originale con sottotitoli in italiano) il meraviglioso bianco e nero fotografato da Frederick Elmes e Herbert Cardwell e di ascoltare in sala la nascita di quell’ambiente sonoro così peculiare (rumori industriali, accordi stranianti, vento, tempesta), ottenuto da Lynch insieme al compianto Alan Splet, che avrebbe ispirato Lynch per tutta la sua carriera, fino a fargli decidere di curare lui stesso il sound design di Twin Peaks – The Return, che non a caso inizia con il monito: “Listen to the sounds”. Continue reading

Harry Goaz in a still from Twin Peaks. Photo: Suzanne Tenner/SHOWTIME

Twin Peaks dopo la bomba: 3×09-3×14, la recensione

di Matteo Marino
28 agosto 2017

James T. KirkIl test della Kobayashi Maru è una simulazione di addestramento dell’Accademia della Flotta Stellare in cui non c’è possibilità di vittoria. Qualsiasi scelta si compia, è destinata al fallimento. Il test è stato programmato così di proposito. L’unico che lo ha mai passato è stato James T. Kirk. Barando (riprogrammando la simulazione).

Io sto indietro. Non con le puntate, che quelle me le bevo di notte in diretta, ma con le recensioni. I recap quasi scena per scena sono divertenti e, almeno per me, illuminanti, ma prendono molto tempo. Purtroppo non sono l’unica cosa su cui mi devo focalizzare, almeno se non voglio fare la fine della senzatetto di Mulholland Drive. (Come? Era una donna? Sì, correte a leggere l’intervista che ho tradotto qui se non sapete di chi si tratta). Manca una settimana al doppio episodio finale e, se voglio stare sul pezzo, non c’è possibilità di colmare il divario. Se non barando. Cambiando i parametri delle recensioni.

Quindi sto per barare. Stringendo a me i miei Triboli, mi sono fatto un rewatch di sei ore delle parti dalla 9 alla 14, ho diviso le scene da riassumere e commentare in storyline (l’indagine di Hawk, l’indagine di Gordon e Albert ecc.) e così ho potuto anche saggiare la tenuta della serie come “un unico lungo film di 18 ore”. Beh, regge alla grande.
Pronti per un recap trasversale di ben 6 episodi, un bel ripasso commentato prima del finale? Let’s rock.

Let's rock

Continue reading