David Lynch vuole radere a zero Laura Dern per un nuovo ruolo

di Matteo Marino
7 maggio 2019

L’abbiamo vista bionda. L’abbiamo vista platino. L’abbiamo vista rossa. In un prossimo futuro potremmo vederla calva. Stiamo parlando di Laura Dern, una delle attrici feticcio di David Lynch (con lui in Velluto blu, Cuore selvaggio, INLAND EMPIRE e Twin Peaks – Il ritorno).

In un articolo a lei dedicato su The New York Times Magazine, Christine Smallwood scrive…

Lynch definisce Laura Dern “Per il 99 per cento senza paura”. (L’un per cento riguarda il suo desiderio di raderle la testa a zero per una parte che lui ha in mente; lei non ha accettato, per ora.)

Lynch calls Dern “99 percent fearless.” (The other percent involves his wish that she would shave her head for a part he has in mind; she hasn’t yet agreed.)

 

Ci sono parecchie cose interessanti in queste due righe. Per esempio il fatto che Lynch abbia un personaggio in mente, e quindi un nuovo progetto! Ovviamente non sappiamo se questa parte riguardi un nuovo film diretto da lui (potrebbe anche essere un film prodotto da lui), né se questo progetto verrà mai realizzato (non sarebbe il primo, come sappiamo, da Ronnie Rocket in poi, che non supera la fase dei finanziamenti) ma non possiamo fare a meno di drizzare le orecchie e sperare.

Che Diane possa essere calva in una nuova incarnazione di Twin Peaks? O calvo potrebbe essere uno dei personaggi di Antelope Don’t Run No More,  una sceneggiatura che Lynch scrisse nel 2010 (tre anni dopo l’uscita di INLAND EMPIRE e un anno prima che con Frost cominciasse a valutare seriamente una terza stagione di Twin Peaks). Le uniche cose che sappiamo di Antelope ce le ha dette Kristine McKenna nel libro Lo spazio dei sogni: ambientato a Los Angeles, Antelope Don’t Run No More «intreccia temi alla Mulholland Drive e INLAND EMPIRE in una fantasia narrativa in cui appaiono extraterrestri, animali parlanti e Pinky, un musicista in difficoltà. Tutti quelli che l’hanno letta la considerano in assoluto una delle migliori sceneggiature di Lynch». Nessuno però ha avuto il coraggio di finanziarla. Per ora.

E se si trattasse di qualcosa di totalmente nuovo? Certo, potrebbe pure tutto finire in un nulla di fatto come per la faccenda del film con una scimmia.

Laura Dern, siamo nelle tue mani. Saresti bellissima anche calva, sappilo.

Fonti: Welcome to Twin Peaks ; The New York Times Magazine

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *